l’INFORMATICA GIURIDICA: una nuova materia che risale al 17° secolo.

Sono sempre piu’ numerosi i corsi proposti e volti a sensibilizzare i giovani professionisti, e non solo, a tematiche riguardanti gli aspetti giuridici correlati alle nuove tecnologie.

Sono ambiti che riguardano tutto l’alveo delle norme riconducibili al Codice dell’amministrazione digitale di cui al D. Lgs. 82/2005 fino al vigente Regolamento 910/2014 in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno.
Sono le norme riguardanti il crimine telematico e la sfera del diritto penale dell’informatica, della sicurezza informatica e della digital forensics che, nata dalla fusione della computer forensics e del network forensics, si occupa della preservazione, identificazione e studio delle informazioni contenute nei computer e nei sistemi informativi in generale con lo scopo di evidenziare l’esistenza di prove utili allo svolgimento dell’attività investigativa.
È  la disciplina sulla tutela dei dati personali in senso  lato di cui al Reg. (UE) 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati ed al novellato D. Lgs. 196/03, quella del commercio elettronico e dei contratti informatici, e’ la normativa sulle Online Dispute Resolution (ODR) ex Reg. UE 524/2013. È quanto:

  • al D. Lgs. 51/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/680 relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati;
  • al D. Lgs. 53/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/681 sull’uso dei dati del codice di prenotazione (PNR) a fini di prevenzione, accertamento, indagine e azione penale nei confronti dei reati di terrorismo e dei reati gravi e disciplina dell’obbligo per i vettori di comunicare i dati relativi alle persone trasportate;
  • al D. Lgs. 65/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/1148 recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione;
  • al Reg. (UE) 2018/1807 relativo a un quadro applicabile alla libera circolazione dei dati non personali nell’Unione europea;
  • alla Proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul diritto d’autore nel mercato unico digitale;
  • al Reg. (UE) 2019/881 relativo all’ENISA, l’Agenzia dell’Unione europea per la cibersicurezza, e alla certificazione della cibersicurezza per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione …

… e altro ancora.

È l’INFORMATICA GIURIDICA che, per utilizzare la definizione formulata dall’ANDIG nel convegno del 28 giugno 2005 (v. Prof. Avv. Marco Mancarella: Lineamenti di informatica giuridica), <<è la disciplina giuridica, unitaria ed autonoma, che ha per oggetto il diritto dell’informatica che studia le leggi che regolano l’uso del computer e l’informatica del diritto che studia le ragioni e le modalità dell’influenza che l’informatica può avere sull’evoluzione del diritto>>.

È una materia che risale al 17° secolo per chi ne attribuisce la paternità a Gottfried Leibniz o più recentemente, al 1949, allo studioso americano Lee Loevinger che con la sua GIURIMETRIA ha voluto indicare un modo inusuale di accostarsi al diritto coniugando l’uso dei metodi dell’informatica nelle attività proprie del diritto.

È una materia dalle diverse sfaccettature così longeva e così attuale e sempre di estrema attualità ed interesse per tutti coloro che, partendo dal proprio background,  decidono di avvicinarvisi per sviluppare le proprie expertises in un settore dai significativi margini di crescita e sviluppo professionale.

Marcello Colaianni
Certified DPO e DP Auditor UNI 11697
Certified DP Auditor ISDP 10003:2018 Audit Scheme
Compliance & Management Systems Consultant/Auditor

il DPO: non solo Data Protection Officer ma anche Digital Preservation Officer

Sono sempre stato un accanito sostenitore circa l’appropriato utilizzo dei termini, e relativi acronimi, nel riferirmi alle figure professionali richiamate nelle diverse discipline giuridiche.

Ne è un esempio eclatante la sigla D.P.O. per indicare il Data Protection Officer di cui al GDPR, non il Data Privacy Officer che, al più, è una figura riconosciuta de facto a supporto delle organizzazioni con compiti manageriali o con ruoli consulenziali.

Una posizione del tutto coerente con le linee guida del WP 243 del 5 aprile 2017 sui responsabili della protezione dei dati secondo cui: <<Nulla osta a che un’azienda o un ente, quando non sia soggetta all’obbligo di designare un RPD e non intenda procedere a tale designazione su base volontaria, ricorra comunque a personale o consulenti esterni incaricati di incombenze relative alla protezione dei dati personali. In tal caso è fondamentale garantire che non vi siano ambiguità in termini di denominazione, status e compiti di queste figure; è dunque essenziale che in tutte le comunicazioni interne all’azienda e anche in quelle esterne (con l’autorità di controllo, gli interessati, i soggetti esterni in genere), queste figure o consulenti non siano indicati con la denominazione di  responsabile per la protezione dei dati (RPD).
Considerazioni che valgono anche per i Chief Privacy Officers (CPO) o altri professionisti in materia di privacy già operanti presso alcune aziende, che non sempre e non necessariamente si conformano ai requisiti fissati nel regolamento per quanto riguarda, per esempio, le risorse disponibili o le salvaguardie della loro indipendenza e che, in tal caso, non possono essere considerati e denominati “RPD”>>.

Con la stessa fermezza, tuttavia, trovo del tutto ragionevole ed opportuno riferirsi, con lo stesso acronimo, anche a un’altra figura professionale che dal Data Protection Officer si differenzia per il contesto in cui opera sebbene i margini di collaborazione, in relazione ai rispettivi compiti, sono del tutto evincibili. Mi riferisco al Digital Preservation Officer, ovvero al Responsabile della conservazione digitale dei documenti.

Disciplinato dal DPCM 3 dicembre 2013, il Digital Preservation Officer svolge una molteplicità di attività inerenti l’implementazione di un sistema di conservazione predisponendo il relativo manuale di cui cura l’aggiornamento periodico tenendo conto degli aspetti normativi, organizzativi, procedurali e tecnologici.

<<Il responsabile della conservazione opera d’intesa con il responsabile del trattamento dei dati personali, con il responsabile della sicurezza e con il responsabile dei sistemi informativi (…)>> e, evidentemente, collabora con il responsabile della protezione dei dati.

È una figura che opera in ambito digitale affiancato dall’Innovation Manager, dal Chief Digital Officer, dal Responsabile della Transazione Digitale … all’insegna di una sempre maggiore propensione al ricorso al digitale da parte di privati e pubbliche amministrazioni perché anche nel digitale, come in altri contesti, c’è bisogno di persone che sappiano guidare e motivare gestendo il rischio e l’errore perché lo sbaglio nell’azione è sicuramente meglio del non agire affatto.

Marcello Colaianni
Certified DPO e DP Auditor UNI 11697
Certified DP Auditor ISDP 10003:2018 Audit Scheme
Compliance & Management Systems Consultant/Auditor