l’INFORMATICA GIURIDICA: una nuova materia che risale al 17° secolo.

Sono sempre piu’ numerosi i corsi proposti e volti a sensibilizzare i giovani professionisti, e non solo, a tematiche riguardanti gli aspetti giuridici correlati alle nuove tecnologie.

Sono ambiti che riguardano tutto l’alveo delle norme riconducibili al Codice dell’amministrazione digitale di cui al D. Lgs. 82/2005 fino al vigente Regolamento 910/2014 in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno.
Sono le norme riguardanti il crimine telematico e la sfera del diritto penale dell’informatica, della sicurezza informatica e della digital forensics che, nata dalla fusione della computer forensics e del network forensics, si occupa della preservazione, identificazione e studio delle informazioni contenute nei computer e nei sistemi informativi in generale con lo scopo di evidenziare l’esistenza di prove utili allo svolgimento dell’attività investigativa.
È  la disciplina sulla tutela dei dati personali in senso  lato di cui al Reg. (UE) 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati ed al novellato D. Lgs. 196/03, quella del commercio elettronico e dei contratti informatici, e’ la normativa sulle Online Dispute Resolution (ODR) ex Reg. UE 524/2013. È quanto:

  • al D. Lgs. 51/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/680 relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti a fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o esecuzione di sanzioni penali, nonché alla libera circolazione di tali dati;
  • al D. Lgs. 53/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/681 sull’uso dei dati del codice di prenotazione (PNR) a fini di prevenzione, accertamento, indagine e azione penale nei confronti dei reati di terrorismo e dei reati gravi e disciplina dell’obbligo per i vettori di comunicare i dati relativi alle persone trasportate;
  • al D. Lgs. 65/2018 in attuazione della direttiva (UE) 2016/1148 recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione;
  • al Reg. (UE) 2018/1807 relativo a un quadro applicabile alla libera circolazione dei dati non personali nell’Unione europea;
  • alla Proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul diritto d’autore nel mercato unico digitale;
  • al Reg. (UE) 2019/881 relativo all’ENISA, l’Agenzia dell’Unione europea per la cibersicurezza, e alla certificazione della cibersicurezza per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione …

… e altro ancora.

È l’INFORMATICA GIURIDICA che, per utilizzare la definizione formulata dall’ANDIG nel convegno del 28 giugno 2005 (v. Prof. Avv. Marco Mancarella: Lineamenti di informatica giuridica), <<è la disciplina giuridica, unitaria ed autonoma, che ha per oggetto il diritto dell’informatica che studia le leggi che regolano l’uso del computer e l’informatica del diritto che studia le ragioni e le modalità dell’influenza che l’informatica può avere sull’evoluzione del diritto>>.

È una materia che risale al 17° secolo per chi ne attribuisce la paternità a Gottfried Leibniz o più recentemente, al 1949, allo studioso americano Lee Loevinger che con la sua GIURIMETRIA ha voluto indicare un modo inusuale di accostarsi al diritto coniugando l’uso dei metodi dell’informatica nelle attività proprie del diritto.

È una materia dalle diverse sfaccettature così longeva e così attuale e sempre di estrema attualità ed interesse per tutti coloro che, partendo dal proprio background,  decidono di avvicinarvisi per sviluppare le proprie expertises in un settore dai significativi margini di crescita e sviluppo professionale.

Marcello Colaianni
Certified DPO e DP Auditor UNI 11697
Certified DP Auditor ISDP 10003:2018 Audit Scheme
Compliance & Management Systems Consultant/Auditor